Manutenzione per porte e finestre: oggi più semplice e veloce

Oggi vorremmo approfondire il tema della manutenzione di porte e finestre in legno, con alcuni consigli che possono far durare a lungo i serramenti.

 

Intanto bisogna individuare il miglior periodo dell’anno per prendersi cura di porte e finestre che, all’esterno, possono risentire in modo particolare delle escursioni termiche e degli agenti atmosferici come pioggia, vento, raggi solari, sbalzi di temperatura.

Per scegliere il momento migliore bisogna tener conto del fatto che, se ad esempio operiamo in estate, le finestre rimarranno senza persiane proprio quando serve il loro riparo da luce e calore. D’altro canto, nei mesi primaverili ed estivi è più comodo lavorare all’aperto, con giornate più lunghe e luminose, dove è sicuramente più semplice smontare e rimontare gli elementi trattati.

A tal proposito, il prodotto al quale dedichiamo oggi il nostro approfondimento ci aiuta proprio nella praticità di utilizzo, perché la nostra vernice trasparente di finitura satinata Porte e Finestre, grazie al suo stato gelatinoso, non cola e risulta particolarmente facile da applicare su porte, finestre e persiane anche in verticale, lasciandole cioè al loro posto.

Questo fattore rende ovviamente più semplici e veloci le operazioni di manutenzione e non dover smontare le persiane significa mantenere le condizioni di sicurezza e isolamento acustico (oltre come già detto la funzione di barriera da caldo, freddo, luce), per la durata del trattamento.

Non tutti infatti dispongono di uno spazio adatto ai lavori di manutenzione domestica come portici, garage o magazzini e poter lavorare sul posto comporta un notevole risparmio di tempo perché non sarà necessario doversi avvalere di più persone per smontare e rimontare porte, scuri e persiane.

Ma quali sono le caratteristiche che fanno della vernice Porte e Finestre un prodotto fra i più utilizzati nel trattamento degli infissi? Prima di tutto il risultato finale che restituisce superfici morbide al tatto, idrorepellenti e con finitura cerata/satinata.
Inoltre, essendo una vernice trasparente ed antingiallente, Porte e Finestre rispetta le caratteristiche estetiche di qualsiasi legno, evidenziando al meglio venatura e tonalità di colore, che rimane inalterata grazie ai filtri speciali che difendono il legno dai raggi ultravioletti.

Non ultimo, il tema dell’ecologia: il prodotto è a base d’acqua ed inodore; si può utilizzare senza particolari precauzioni e, poiché con il passare del tempo si consuma lentamente, non si sfoglia e non si accartoccia… un aspetto fondamentale, perché in questo modo il ripristino del trattamento sarà notevolmente facilitato dall’assenza di residui che devono essere levigati o sverniciati.

Dopo 24 ore dal trattamento e in normali condizioni di temperatura, il legno risulterà perfettamente asciutto, con un piacevole aspetto satinato/cerato e soprattutto protetto a lungo; e non dimenticate di pulire i pennelli con semplice acqua, ma subito dopo aver terminato il lavoro.

Come mantenere più a lungo in buone condizioni i serramenti in legno

Ecco i nostri consigli per ottenere il miglior risultato nel trattamento conservativo di persiane, scuri, porte e finestre, serramenti e componenti in legno dopo l’applicazione della nostra vernice protettiva per serramenti di legno da esterno.

Il primo vero passaggio di ogni manutenzione è la pulizia periodica. Le condizioni atmosferiche, compresi smog e piogge acide, possono “sporcare” più o meno intensamente i serramenti e se si abita in città la patina da togliere sarà probabilmente più resistente rispetto a luoghi meno interessati dallo smog.

Un paio di volte all’anno (l’ideale sarebbe programmarla in primavera e in autunno), è necessario utilizzare un panno umido per pulire la superficie.
Oggi esistono in commercio diversi prodotti per la pulizia (efficaci ma che rispettano il legno) come i panni di microfibra che attirano polvere e tolgono lo sporco senza particolari abrasioni.

Ammoniaca ed alcol sono da utilizzare solo in caso di superfici degradate da ripristinare perché potrebbero intaccare e rovinare lo strato superficiale della vernice che protegge il legno.

Anche un pennello pulito o una spugna morbida possono rivelarsi comodi per raggiungere ogni angolo e ogni intercapedine, sia della persiana che degli infissi. Per chi preferisce le soluzioni “fai da te”, consigliamo una miscela di acqua con un cucchiaio di bicarbonato di sodio e un cucchiaio di aceto bianco.

Anche se a volte la patina di smog crea una strato “untuoso”, si sconsiglia l’uso di prodotti tipo “sgrassatore” perché potrebbero creare problemi di ancoraggio della vernice che si applicherà in occasione della futura manutenzione.

Chiudiamo il nostro articolo dedicato alla verniciatura e manutenzione di persiane, infissi e serramenti con una piccola nota legale: la manutenzione straordinaria dei serramenti, come ad esempio la riparazione in seguito al maltempo, sono a carico del proprietario dell’immobile mentre la manutenzione ordinaria tocca all’inquilino, che deve farsi carico del corretto utilizzo e mantenimento di questi elementi.

Pubblicato il 27/08/2020
 Torna al BLOG

Teniamoci in contatto!

gentile sig. sig.ra